V2V: tecnologia innovativa per le case automobilistiche americane

0
263
466738327-380x270
Anthony Foxx, segretario dipartimento dei Trasporti Usa (Mark Wilson/Getty Images)

Il sistema V2V (Vehicle to Vehicle) è  una tecnologia in grado di inviare segnali radio tra le vetture, fino a 300 metri di distanza, fornendo così indicazioni su posizione, direzione, velocità di ciascuna e permettendo ai guidatori di prevenire eventuali pericoli, anche se ancora al di fuori del proprio campo visivo. Si stima, per questo sistema, la possibilità di ridurre del 70-80% gli incidenti stradali. É questa l’importante novità anticipata da Anthony Foxx del dipartimento americano dei Trasporti e sottoposta alle case automobilistiche americane.

“La tecnologia vehicle-to-vehicle rappresenta la prossima generazione dei miglioramenti nel campo della sicurezza automobilistica – ha dichiarato Foxx – incrementando i risultati che abbiamo già raggiunto con le cinture di sicurezza e gli airbag”.
La proposta di questa nuova tecnologia ha ricevuto un impulso importante dai dati sui decessi causati da incidenti stradali negli Usa nel 2012: rispetto all’anno precedente, infatti, per la prima volta il numero è salito di circa un migliaio di vittime, arrivando a 33.561. Anche la National Highway Traffic  Safety Administration (Organizzazione Nazionale per la Sicurezza del Traffico Autostradale, agenzia del ministero dei Trasporti, ndr) ha invitato le autorità di regolamentazione del settore ad incrementare gli sforzi per fornire nuove tecnologie alle vetture, come il sistema che impedisce all’auto di accendersi se il conducente è ubriaco o non indossa le cinture di sicurezza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here