Un metodo efficiente per produrre metalli nanoporosi

0
Photo by Julie Russell/LLNL

I ricercatori del Lawrence Livermore National Laboratory (LLNL) e dell’Istituto Federale Svizzero di Tecnologia (ETH) hanno sviluppato un modo economico e più efficiente per produrre i metalli nanoporosi in molte scale, dalla nanoscala alla macroscala visibile a occhio nudo. Simili alla schiuma, i metalli nanoporosi possiedono un’elevata area superficiale che consente un migliore trasferimento degli elettroni, capace di ottimizzare le prestazioni di un elettrodo in un doppio condensatore elettrico o in una batteria. Inoltre questi metalli offrono un maggior numero di siti disponibili per l’assorbimento di analiti, una caratteristica altamente richiesta per i sensori.

Photo by Julie Russell/LLNL
Tiziana Bond. Photo by Julie Russell/LLNL

Questo progetto di ricerca ha impiegato oro, argento e alluminio, ma può essere esteso anche ad altri metalli. Durante il processo di fabbricazione, è controllata continuamente la rugosità del metallo per garantire la porosità del prodotto finito, che è la chiave per avere le proprietà uniche che rendono i metalli nanoporosi degli ottimi materiali di lavoro. Più ruvido è il metallo, meno diventa uniformemente poroso.”Questi metalli trovano applicazione in settori come la raccolta di energia e gli studi elettrochimici” afferma Tiziana Bond, ingegnere LLNL membro del team di ricerca congiunta. Altre applicazioni comprendono il supporto allo sviluppo di nuovi metamateriali (materiali ingegnerizzati) per il filtraggio e la manipolazione a radiazione avanzata, inclusa la luce ultravioletta profonda.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here