Il cerotto nanotech che genera energia

0
Photo: National University of Singapore

É in oro e silicone e ha la dimensione di un francobollo, servendosi dell’elettricità statica è in grado di trasformare l’energia meccanica in elettrica pur essendo privo di batteria. Che cosa è? É l’innovativo cerotto realizzato dall’Università nazionale di Singapore e presentato alla Conferenza internazionale sui microsistemi elettromeccanici dell’Ieee (Istituto degli ingegneri elettrici ed elettronici)  tenutasi in Portogallo.

Photo: National University of Singapore
Photo: National University of Singapore

Frizionato o tamburellato delicatamente con un polpastrello il dispositivo è in grado di generare 90 volt. Chengkuo Lee, a capo della squadra di ricerca, e i suoi colleghi hanno dimostrato che questo nuovo potrebbe essere utilizzato come sensore per tracciare i movimenti e l’attività di chi lo indossa. Il fenomeno d’attrito si definisce effetto triboelettrico e si genera quando due superfici a stretto contatto vengono strofinate, qui la corrente elettrica comincia a scorrere tra loro e può essere raccolta usando un elettrodo. Ma perché attaccare il generatore alla pelle? Perchè la superficie più abbondante del corpo umano è un materiale triboelettrico e tende a cedere elettroni, cioè a caricarsi positivamente e viene, quindi, accostata a un materiale che si carica negativamente per generare elettricità. É per questo motivo che i ricercatori hanno testato il dispositivo sull’avambraccio e sulla gola di un volontario. Per lo strato negativo, il team di ricerca ha realizzato migliaia di minuscole strutture simili a colonne su uno strato in gomma di silicone flessibile. Sotto il foglio di gomma è stata attaccata una pellicola d’oro spessa 50 nanometri (milionesimi di millimetro) che agisce come elettrodo per il dispositivo. I piccoli pilastri aumentano la superficie del dispositivo in contatto con la pelle e ciò aumenta la frizione e, dunque, la corrente prodotta.

Per saperne di più clicca qui

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here