Macchine utensili in esposizione al Timtos di Taiwan: un paese con una fiera come Timtos ha certamente le carte corrette per raggiungere i propri obiettivi a livello internazionale

Taiwan: le basi del successo commerciale

Bandiera di TaiwanIl Paese asiatico si è sviluppato a ritmi sostenuti negli ultimi anni. Il primo partner economico è la Cina; i due Paesi sono collegati da oltre 20 accordi bilaterali, che spaziano dal settore bancario a quello assicurativo, da quello doganale a quello giuridico a quello sulla proprietà intellettuale. I due Stati sono collegati da oltre 800 voli e 80 porti e i dazi alle esportazioni molto bassi hanno generato 140 miliardi di USD annui di export verso la Cina negli ultimi due anni.

Numerosi sono i distretti produttivi con specifiche zone per l’esportazione, sono anche presenti una cinquantina di parchi scientifici con alle spalle i nomi di alcune tra le più prestigiose multinazionali.

Oltre che con la Cina, Taiwan vanta ottime relazioni con Nuova Zelanda, Singapore, Filippine e India. L’Italia occupa il 23° posto tra i principali partner commerciali di Taiwan. Il nostro Paese rifornisce lo stato asiatico con i prodotti tipici del Made in Italy: moda, arredamento, food, beni di lusso e farmaceutici. Taiwan invece esporta principalmente prodotti tecnologici quali computer, elettronica di consumo e componenti meccaniche destinate all’automotive, aerospace e difesa.

Taipei International Machine Tool Show

In questo scenario si va a collocare il Timtos (Taipei International Machine Tool Show) ovvero la più grande fiera del manifatturiero di Taiwan. Tale appuntamento, si delinea come il secondo più importante in tutta l’Asia e il 5° a livello mondiale tra gli eventi del suo genere.

Protagonista del Timtos è la Smart Manufacturing; la fiera si caratterizza infatti per l’attenzione posta su tutte le tecnologie che permettono di connettere ed automatizzare le macchine utensili. Grande attenzione è stata posta anche sulla robotica: molti stand hanno esposto le loro soluzioni con robot, più o meno antropomorfi, che sono stati inseriti nel ciclo produttivo delle industrie metalmeccaniche.

Oltre a queste due grandi tematiche, tutti gli espositori sono stati accumunati da tre principali concetti: Smart Machine, Smart Factroy e Industria 4.0.

Questo slideshow richiede JavaScript.

I numeri del Timtos

Per avere un’idea dell’importanza della fiera, nella 26° edizione svoltasi nel Marzo 2017, sono stati allestiti 5.430 stand; hanno esposto i loro prodotti 1.100 realtà. Sono giunti al Timtos rappresentanti di 20 Paesi stranieri tra cui, oltre l’Italia, Germania, Svizzera, Turchia, USA e Giappone.

Sono stati organizzati convegni e seminari tecnici con relatori di prestigio internazionale quali Mercedes-Benz, Siemens, Sick Kuka e molte altri.

Il Taipei International Machine Tool Show è stata una fiera all’insegna del business; oltre 700 mila buyers di 90 differenti Paesi hanno interloquito con gli espositori; alcuni hanno anche beneficiato di incontri one-to-one con alcune delle principali multinazionali come ad esempio Nissan e Optimum Maschinen.

continua a leggere a pag. 6 di Subfornitura News – settembre 2017

Se sei GIA’ abbonato accedi all’area riservata e continua a leggere clicca qui

Se NON sei abbonato vai alla pagina degli abbonamenti clicca qui

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here