Prover: stampi e particolari plastici…ora anche in silicone liquido

0
Nata nel 1988, Prover è una realtà italiana che progetta e produce stampi termoplastici e fornisce il servizio di stampaggio di articoli plastici. Con un organico di circa 30 persone, l’azienda ha sempre fatto dell’aggiornamento tecnologico il suo fiore all’occhiello. Essa si avvale infatti di macchinari di ultima generazione sia in attrezzeria sia nel reparto di stampaggio dove vengono realizzati particolari plastici mono-materiale, bi-colore, bi-materiale e articoli cavi. Dallo scorso settembre Prover ha ampliato la sua apertura verso il mercato annunciando l’inserimento di una nuova pressa per lo stampaggio di particolari in Silicone Liquido LSR. Una tecnologia che trova applicazione in diversi ambiti ma che deve essere ben gestita e soprattutto richiede un altissimo livello di precisione, sia nella progettazione dell’oggetto sia dello stampo dal quale prenderà forma. Ed è proprio per questi motivi che Prover ha deciso di intraprendere questa strada e dimostrare l’alto livello di competenza raggiunto dal suo ufficio tecnico, composto da un team di persone in grado di seguire il committente in tutte le operazioni di pre-produzione e assistenza progettuale ad alto standard qualitativo: design, engineering e prototipazione rapida. La riproduzione fedele del prototipo è un punto fermo in Prover, in quanto si possono valutare così le funzionalità meccaniche, le specifiche estetiche, i costi, i tempi di ciclo e quant’altro. La qualità di un oggetto stampato punta infatti non solo ai nuovi materiali, ma anche alle forme, alle nervature, ad accorgimenti tecnici, agli stampi, che devono essere misurati e controllati istante per istante durante il processo di lavorazione. In funzione di ciò e adottando rigide direttive, Prover rientra nella categoria “fornitore free pass” nella maggiore parte dei casi, creando un tangibile valore aggiunto per i propri clienti.

Tre reparti in sinergia
Prover è suddivisa in 3 aree distinte: ufficio tecnico, attrezzeria e reparto stampaggio. Il reparto attrezzeria segue scrupolosamente le direttive dell’ufficio tecnico. A tal proposito per aumentare la qualità dell’operato, sono stati ottimizzati i processi gestionali tra i due reparti implementando una rete di comunicazione via cavo. I software CAD e CAM sono infatti utilizzabili, con le dovute limitazioni, anche dall’officina, la quale è equipaggiata con un computer posto accanto a ogni macchina utensile. I PC leggono direttamente i disegni in 3D per fare in modo che l’operatore possa prelevare, all’occorrenza, le quote necessarie a fare il controllo dei pezzi in esecuzione. Sempre in rete locale sono disponibili tutti i file che occorrono per far funzionare le macchine con il CAM. Dunque, la linea diretta fra l’ufficio tecnico e l’officina, consente di eliminare il 90% della carta: l’operatore richiama con un foglio di lavoro il nome della parte che deve vedere in 3D, la ruota, la guarda, viene a conoscenza dei lavori che deve eseguire e, all’occorrenza, clicca sulla parte stessa in 3D per accedere alle misure che gli servono per procedere ai piazzamenti, ai controlli, a una visione delle varie parti dello stampo ecc. Il reparto attrezzeria è infine monitorato attraverso un accurato controllo della qualità. Esso viene effettuato ad ogni fase di costruzione degli stampi con strumentazioni moderne e differenti. Parlando invece del ciclo di stampaggio, esso viene preceduto da un particolare trattamento della materia prima. Prover utilizza una vasta gamma di materie plastiche in base alle esigenze del cliente e del relativo prodotto: dal classico poliolefine alle resine di ultima generazione. Le operazioni di stampaggio rispettano rigidi protocolli di lavoro dallo stoccaggio a magazzino unito al servizio di “ordini aperti” per facilitare la gestione interna del cliente, al controllo qualità eseguito a campione in modo periodico, fino alla validazione del prodotto attraverso un accurato collaudo con il conseguente confezionamento. Pe incrementare la produttività, ridurre al minimo gli errori e offrire il massimo della flessibilità, Prover ha automatizzato alcune presse nella fase finale del processo permettendo ai vari operatori di concentrarsi su fasi di lavorazione e preparazione più “nobili” e che richiedono maggiore concentrazione. Un dettaglio, ma non meno importante, l’intero capannone è dotato di un sofisticato sistema di purificazione e riciclo dell’aria che rende l’ambiente pulito e salubre per chi ci lavora e per chi visita l’azienda, una delle tante eccellenze che fanno dell’Italia un paese in grado di combattere nella difficile arena del mercato internazionale.

Ragione Sociale: Prover Srl
Regione e Città: Lombardia – Merate (LC)
Settore di appartenenza: Subfornitura
Attività: Realizzazione di stampi e stampaggio di materiali termpolastici
Parco macchine: fresatrici CNC, torni CNC, rettifiche CNC, elettroerosione a tuffo e a filo, presse Arburg con range di capacità da 20 a 400 tonnellate.
Materiali lavorati: dal classico poliolefine alle resine di ultima generazione, silicone liquido.
Settori merceologici forniti: Automotive, Medicale, Elettrico,Elettrodomestici,Telecomunicazioni
Tempi di consegna: variabili da 30 a 60 gg a seconda della commessa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here