Produzione industriale in crescita, lo dice l’ISTAT

0

Scatto in avanti della produzione industriale. A novembre, secondo i dati diffusi dallIstat, l’indice destagionalizzato della produzione industriale è aumentato dello 0,7% rispetto ad ottobre. Nella media del trimestre settembre-novembre la produzione è aumentata dello 0,9% rispetto al trimestre precedente. Corretto per gli effetti di calendario, a novembre l’indice è aumentato su base annua del 3,2% (i giorni lavorativi sono stati 21 come a novembre 2015). Nella media dei primi undici mesi dell’anno la produzione è cresciuta dell’1,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

L’Istat rileva che l’indice destagionalizzato mensile presenta variazioni mensili positive nei raggruppamenti dell’energia (+2,4%), dei beni intermedi (+1,1%) e dei beni strumentali (+0,8%); diminuiscono invece i beni di consumo (-0,9%). Su base annua gli indici corretti per gli effetti di calendario registrano una marcata variazione positiva nel comparto dell’energia (+10,6%); aumentano anche i beni strumentali (+3,9%) e i beni intermedi (+2,4%) mentre una variazione negativa segnano i beni di consumo (-0,1%). Per quanto riguarda i settori di attività economica, a novembre i comparti che registrano la maggiore crescita tendenziale sono quelli della fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (+14,5%), della fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi (+6,7%) e delle altre industrie manifatturiere, riparazione e installazione di macchine ed apparecchiature (+5,8%). Le diminuzioni maggiori si registrano nei settori delle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (-5,0%), della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati e della fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (entrambi -4,3%).

L’Ufficio Studi di Confcommercio commenta così i dati sulla produzione industriale: “Tendenza positiva ma difficoltà per i beni di consumo, Dato che consolida la tendenza al miglioramento emersa in estate e lascia presagire una chiusura d’anno positiva e in grado di lasciare un’eredità positiva al 2017. Permangono, tuttavia, le difficoltà dei settori produttori di beni di consumo, soprattutto dei non durevoli, i cui livelli di attività continuano a mostrare una tendenza al lento deterioramento, dinamica peraltro in linea con una domanda interna per consumi non particolarmente brillante“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here