Premiazioni contest “InvFactor – anche tu genio”

0
invfactor anche tu genio

Giovedì 28 settembre a Roma sono in programma le premiazioni del contest “InvFactor – anche tu genio“. Tale concorso, rivolto agli studenti-inventori delle scuole secondarie di secondo grado mira a stimolare e valorizzare la creatività dei ragazzi italiani che si cimentano con innovazioni e tecnologie messe a punto durante il percorso scolastico.

Il concorso “InvFactor” è promosso dal Consiglio Nazionale delle Ricerche in collaborazione con la Rappresentanza in Italia della Commissione Europea.

Programma della giornata

Ore 9.30 Inizio dell’evento e ricevimento delle Istituzioni, del pubblico e dei giornalisti
Ore 10.00 La Giuria visiterà gli spazi espositivi ed esaminerà le invenzioni finaliste
Ore 11.00 Nella sala conferenze dello Spazio Europa gli studenti presenteranno alla Giuria al pubblico e ai giornalisti le proprie invenzioni
Ore 12.00 Premiazione dei vincitori dell’edizione 2017 di InvFactor
Ore 12.30 Rinfresco

I finalisti di InvFactor

Proponiamo una breve rassegna degli 8 finalisti della competizione il cui vincitore sarà annunciato il 28 Settembre 2017 in occasione delle premiazioni.

Dispositivo Anti-Aggressione

ISTITUTO ITTS O.Belluzzi – L. Da Vinci
CITTÁ – REGIONE Rimini – Emilia Romagna
PROPONENTE Matteo Biraghi
PROFESSORE Danilo Montani

Si tratta di un prototipo di dispositivo anti aggressione portatile; tale device è in grado di rilevare l’aggressione o il malessere tramite il monitoraggio di alcuni parametri fisici quali frequenza cardiaca e accelerazione. In caso di pericolo il dispositivo può segnalare il problema, comunicando anche le coordinate gps, ad alcuni contatti salvati nella rubrica telefonica.

Robot da ricognizione Romeo

ISTITUTO ISIS E. Fermi
CITTÁ – REGIONE Bibbiena – Toscana
PROPONENTE Giovanni Sandor
PROFESSORE Pier Luigi Bargellini

Si tratta di un piccolo robot da ricognizione da impiegarsi in ambienti ostili pericolosi per l’uomo. Il robot è in grado di misurare parametri quali temperatura e presenza di gas ed altre sostanze nocive; il prototipo esposto è dotato di videocamera, raggi infrarossi e sistema audio bidirezionale. Pensato per impieghi di polizia e militari ma con possibili applicazioni civili, il progetto sfrutta le basi di robotica esistenti per realizzare un dispositivo, grande poco più di una lattina, gestibile tramite la tecnologia WiFi dello smartphone inviando i dati utili su PC.

Printer Cube: Think-Draw-Print

ISTITUTO IIS Levi Montalcini
CITTÁ – REGIONE Acqui Terme – Piemonte
PROPONENTE Davide Carrò
PROFESSORE Fabio Piana

Il prototipo mira a rendere il mondo della stampa 3D disponibile a tutti. Costo e dimensioni cono infatti contenute, la costruzione è semplice ed il software di gestione è gratuito e di semplice utilizzo. La dimensione massima di stampa è un cubo di 10cm per lato. Per quanto concerne la stampante invece è basata su un microprocessore Arduino Nano, utilizza motoriduttori stepper a basso costo, le guide sono in alluminio con cuscinetti lineari stampati in 3D e la struttura è in MDF (un semilavorato a base legnosa).

Sintesi e applicazione green di nano particelle in rame

ISTITUTO ITI G.M. Angioy
CITTÁ – REGIONE Sassari – Sardegna
PROPONENTE Fabio Fois
PROFESSORE Maria Vincenza Zucca

L’idea alla base del progetto presentato a InvFactor è realizzare una sintesi di nanoparticelle di rame da utilizzare come inchiostro conduttivo. Per sintetizzare le particelle sono state utilizzati infusi di piante contenenti vitamina C con l’aggiunta di solfato rameico pentaidratato. La polvere di rame così ottenuta è stata utilizzata per formare un inchiostro che, una volta applicata su un supporto cartaceo collega un touch capacitivo consente tramite il tocco di riprodurre note musicali.

Chimica, preziosa chimica: cozze e uova…e la bioplastica è servita

ISTITUTO ITT Montani
CITTÁ – REGIONE Fermo – Marche
PROPONENTE Raffaele Martucci Zecca
PROFESSORE Teresa Cecchi

Il progetto prevede di recuperare scarti di lavorazione dell’industria agroalimentare tramite l’utilizzo di reattivi ecosostenibili atossici e non inquinanti. Il metodo prevede la produzione di composti utilizzabili in processi di estrusione, thermoforming e injection molding. Il metodo, per il quale è già stato proposto un brevetto, ha permesso di realizzare oggetti di design per il turismo.

Vestito di alta moda smart

ISTITUTO IIS Tecnico Professionale Spoleto
CITTÁ – REGIONE Spoleto – Umbria
PROPONENTE Sofia Bruno Francia
PROFESSORE Alessandro Preziosi

In questo progetto presentato ad InvFactor la tecnologia incontra la moda. Si tratta infatti di un vestito dotato di microcontrollore lilypad, micro solenoidi, sensore per la rilevazione della temperatura, dispositivo bluetooth e batterie Lipo. Prerogativa del vestito è di cambiare forma, aprendosi come un fiore, al verificarsi di determinate condizioni (registrando ad esempio l’aumento di temperatura causato dall’emozione di chi lo indossa).

Self Mov-Smart Electronic Light Follower for a Moving Vase

ISTITUTO IIS Tecnico Professionale Spoleto
CITTÁ – REGIONE Spoleto – Umbria
PROPONENTE Stefano Cortecci
PROFESSORE Luigi Trollini

Si tratta di una sorta di vaso- robot. Il prototipo consiste in un vaso per piante in grado di innaffiarsi da solo e di muoversi autonomamente nella direzione delle zone illuminate dalla luce del Sole. Il vaso è gestito da un microcontrollore Arduino, dispone di un sensore per registrare l’umidità del terreno e, in caso, una pompa immette acqua da un’intercapedine laterale. É infine dotato di un vettore di sensori di luminosità e due ruote comandata da motori in corrente continua per orientarsi verso la migliore esposizione. L’intero sistema può gestirsi in automatico e essere comandato tramite App.

Progetto Tomaia

ISTITUTO IPSIA A.Ferrari
CITTÁ – REGIONE Maranello – Emilia Romagna
PROPONENTE Hamad Hamdi
PROFESSORE Filippo Sala

Giacinto Massaro

Si tratta di una soprascarpa composta da due gusci in fibra di carbonio con puntale rinforzato. Scopo di questo progetto è proteggere il piede dalla caduta di oggetti pesanti; il modello inoltre si adatta a qualsiasi tipo di scarpa, i materiali inoltre la rendono leggera e facilmente trasportabile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here