Piattaforma gratuita per la fatturazione elettronica

1
fatturazione_elettronica

fatturazione_elettronicaPiù di 32mila aziende registrate e 101.065 fatture emesse. Questi i numeri dei primi tre mesi della piattaforma gratuita messa a disposizione delle piccole e medie imprese dalle Camere di Commercio per compilare, trasmettere e conservare le fatture elettroniche verso la Pubblica Amministrazione. A guidare la classifica degli accessi su base regionale la Lombardia (oltre 11mila), seguita da Veneto e Puglia (oltre 8mila), mentre sopra le 7mila fatture elettroniche ci sono Emilia Romagna, Toscana, Sicilia, Trentino Alto Adige. La classifica delle Province vede Bolzano, Roma, Bari, Trento e Torino ai primi cinque posti. Il 93% delle fatture elettroniche è stato emesso da PMI sotto i 15 dipendenti.
La piattaforma delle Camere di Commercio consente di compilare, trasmettere e gestire gratuitamente un massimo di 24 fatture elettroniche l’anno. Requisiti per le PMI interessate al servizio sono un numero di dipendenti sotto le 250 unità, un fatturato dell’ultimo bilancio fino a 50 milioni di euro e un attivo patrimoniale non superiore a 43 milioni di euro. Per usare il servizio online è necessario autenticarsi tramite Carta Nazionale dei Servizi (CNS). Una volta entrati, bisogna compilare il documento contabile, individuare la PA destinataria, apporre firma digitale, inviare la fattura e conservarla a norma di legge. Dal 31 marzo, la fatturazione elettronica è obbligatoria per tutti i fornitori della PA. Uno dei decreti attuativi della legge delega di Riforma Fiscale introduce una serie di incentivi per la fatturazione elettronica fra imprese a partire dal 2017.

1 COMMENTO

  1. Si tratta di un importante passo in avanti verso la dematerializzazione documentale. Tra l’altro, dal 1° ottobre sussisterà l’obbligo dei registri telematici per il settore Agroalimentare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here