Pezzi in plastica di alta qualità con il PEEK

0

Il suo nome è polietere etere chetone, ma è noto con il nome commerciale: PEEK. Si tratta di un polimero termoplastico semicristallino tecnologicamente avanzato, che combina eccellenti proprietà meccaniche con ottima resistenza chimica, caratteristiche che vengono mantenute in un range di temperature molto ampio, dato che il PEEK può essere utilizzato fino a 260 °C in acqua calda o vapore o in condizioni di bassissima temperatura, fino a –60 ° C. Per quanto si tratti di un materiale costoso, viene comunque impiegato in diversi settori, laddove le applicazioni sono impegnative. È utilizzato con successo nell’ industria aerospaziale, in quella del vuoto, nell’automotive, nella difesa, nel nucleare,ecc.

Il PEEK è considerato un biomateriale avanzato, usato con successo nella protesistica. Sebbene tradizionalmente non sia un polimero a memoria di forma, i recenti progressi tecnologici hanno portato alla possibilità di attivazione meccanica del comportamento memory form, ampliando notevolmente le applicazioni in chirurgia ortopedica. Oggi viene anche impiegato con successo nei dispositivi di fusione spinale e nei ferri di armatura.

Il PEEK allo stato solido è facilmente lavorabile per asportazione di truciolo, tanto che viene utilizzato comunemente per produrre parti in plastica di alta qualità, che siano termostabili e isolanti sia termicamente che elettricamente.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here