Nuove frontiere per la biodegradazione della plastica

0
bioclean

biocleanIl progetto Bioclean è nato per risolvere il problema della plastica che in mare si fotodegrada fino a scomporsi nei polimeri di cui è fatta, rilasciando inquinanti per poi essere ingerita da animali planctofagi, entrando nella catena alimentare.

Si tratta di un’iniziativa di ricerca finanziata dall’Unione Europea che coinvolge un consorzio 19 membri e che ha come obiettivo creare un nuovo processo biotecnologico utile sia per i produttori di materiali plastici sia per i player impegnati nel riciclo e recupero.

Sono stati
analizzati i microrganismi marini capaci di biodegradare polimeri diversi come polietilene,  polipropilene, polistirolo e cloruro di polivinile. Dopo aver isolato batteri e funghi prelevati da siti marini molto inquinati dalle plastiche, sono stati selezionati i microrganismi più efficienti nel detossificare i rifiuti plastici combinati con pretrattamenti chimici e fisici capaci di potenziare l’effetto di pulizia.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here