Num presenta la funzione “axis sharing”

0

axis-sharingUn‘innovativa funzionalità per la gestione dello scambio degli assi fra CNC verrà presentata da NUM alla EMO Milano 2015. Essa permetterà ai progettisti di costruire macchine utensili con una maggiore versatilità e produttività. Le applicazioni tipiche di questa nuova funzione trovano impiego nei centri di lavoro a multistazione e nelle macchine transfer rotative con complesse esigenze di gestione e controllo assi. NUM presenterà anche molti nuovi prodotti, compreso un servomotore di piccole dimensioni abbinato al suo drive, prodotti che trovano particolare impiego nelle piccole teste rotative, soluzioni che evidenziano la modularità e la flessibilità della piattaforma CNC Flexium+, studiata e progettata per soddisfare ogni livello di complessità richiesto nella costruzione delle macchine utensili.

La nuova funzionalità “axis sharing” fornisce un mezzo molto flessibile ed efficiente per controllare un elevato numero di assi interpolati gestiti in differenti processi. La funzione “axis sharing”, mediante l’impiego di tecniche avanzate per l’allocazione dinamica delle risorse, permette di scambiare, mediante funzionalità software, assi collegati fisicamente a differenti kernel CNC. Con questa funzionalità NUM aumenta ulteriormente la flessibilità dell’architettura del CNC di fascia alta, eliminando il limite del numero di canali presenti nei singoli kernel CNC.

La piattaforma CNC Flexium+ di NUM offre una scelta fra tre configurazioni del kernel CNC, consentendo ai progettisti di macchine di utilizzare sistemi di controllo ottimizzati sia per costo che per prestazioni. La piattaforma fornisce anche un’architettura di sicurezza funzionale opzionale per tutto il sistema, conosciuta come NUMSAFE, che facilita l’integrazione delle funzioni di sicurezza per ogni tipo di macchina utensile, indipendentemente dalla sua complessità o dal numero di assi. Oltre alla funzionalità “axis sharing”, NUM presenterà un nuovo servomotore di taglia 40 mm abbinato al suo drive per applicazioni su teste di lavorazione di piccole dimensioni, ed un nuovo alimentatore da 5 kW a 220 V per impiego con alimentazioni elettriche monofasi. Allo stand ci saranno anche due nuovi modelli di servomotori a cavo singolo dotati di encoder assoluti digitali ad alta risoluzione, pensati per aiutare i progettisti a migliorare l’industrializzazione e l’efficienza delle macchine.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here