Nanonastri metallici di grafene

0
Credit: Cortesia di Aalto University
Credit: Cortesia di Aalto University
Credit: Cortesia di Aalto University

I ricercatori della Aalto University, in Finlandia, hanno sviluppato un nanonastro metallico di grafene (GNR) largo solo cinque atomi di carbonio e ne hanno misurato la struttura elettronica. Questi risultati aprono la strada all’uso del grafene nei dispositivi elettronici del futuro, per esempio nei microprocessori, in cui questi nastri ultra sottili potrebbero sostituire il rame come materiale di interconnessione. Il team ha usato la microscopia a scansione a effetto tunnel (STM) che permette di sondare la struttura e le proprietà del materiale con risoluzione atomica. Gli studi futuri si concentreranno su tutti i dispositivi interamente di grafene che combinano nanostrutture metalliche e semiconduttive di grafene. «Anche se siamo lontani dalle applicazioni reali, si tratta di un concetto estremamente interessante per costruire dispositivi utili da queste piccole strutture e per raggiungere i circuiti di grafene con incroci controllati tra GNR» sottolinea il ricercatore Peter Liljeroth.

 

Se sei GIA’ abbonato accedi all’area riservata e continua a leggere clicca qui
Se NON sei abbonato vai alla pagina degli abbonamenti clicca qui

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here