Logistica: come selezionare il tuo subfornitore

0

Offrire prodotti di alta qualità in tempi strettissimi, ma anche comunicare costi certi ed effettuare consegne senza errori. Ecco le sfide che le aziende subfornitrici affrontano ogni giorno. Sfide vinte anche grazie alla logistica, che attraversa tutte le fasi dell’organizzazione aziendale: dall’approvvigionamento della materia prima alla consegna finale.

Le domande utili da porre al nostro subfornitore

Gestiste la logistica internamente o tramite terzisti?

Fate magazzino per i clienti?

Il magazzino è automatizzato?

Con quali tecnologie?

Quanto tempo impiegate per la consegna?

Siete attrezzati per le urgenze?

Avete mezzi propri o vi affidate a corrieri esterni?

Quali sono i tempi di pagamento?

La parola al subfornitore
Geartec: logistica personalizzata per ogni cliente

Andrea Rossetti - GeartecSituata a Legnano (MI), Geartec produce particolari lavorati meccanicamente e stampati ad iniezione su specifica del cliente. Grazie all’esperienza nella lavorazione dei polimeri, pur non eseguendo la progettazione, l’azienda è in grado di consigliare i clienti nella scelta del materiale più idoneo e di assistere il progettista nella ricerca della soluzione tecnicamente ed economicamente più valida. Per la progettazione del processo invece, i tecnici identificano la tecnologia e ricercano le soluzioni produttive più adatte a ogni singola commessa.
«Costruiamo particolari per i più disparati settori industriali caratterizzati dalle più diverse esigenze e, pur non eseguendo in proprio design o progettazione di prodotto, forniamo consulenza integrando le conoscenze dei nostri clienti con la nostra esperienza nei materiali polimerici» spiega il responsabile tecnico Andrea Rossetti.

La durata del ciclo di produzione è molto variabile. I particolari molto complessi, fresati o torniti sono caratterizzati da tempi di programmazione, set-up della macchina utensile e lavorazione meccanica di molte ore, mentre i piccoli pezzi, stampati ad iniezione possono essere prodotti, una volta approntato lo stampo, con un ciclo macchina di pochi secondi. Lo stesso si può dire della fase di controllo della qualità: in settori come quello della microelettronica, medicale e automotive sportivo, le verifiche in sala metrologica possono diventare la fase più lunga; per pezzi molto semplici, i controlli vengono espletati velocemente a bordo macchina direttamente dall’operatore.

«Consideriamo la logistica parte fondamentale della nostra catena del valore e ci occupiamo direttamente della sua gestione e della personalizzazione del servizio per ogni singolo cliente» continua Rossetti.

L’organizzazione logistica parte quindi dall’approvvigionamento del materiale: «Chiediamo ai nostri fornitori di semilavorato consegne giornaliere just in time in modo da minimizzare il nostro lead time e limitare l’impatto finanziario delle scorte. Gestiamo per i clienti scorte di sicurezza, consegne a programma e cassette kan-ban dando garanzia di puntualità e flessibilità».

Geartec immagazzina sia i semilavorati, che ci servono per le future produzioni, sia i particolari finiti pronti per la spedizione in magazzini tradizionali in cui i prodotti sono identificati tramite cartellini apposti direttamente sugli scaffali. «Al momento stiamo valutando, l’introduzione, così come già avviene nei nostri reparti produttivi, dell’identificazione tramite codice a barre, che permette di automatizzare e velocizzare le operazioni di carico e scarico e riducendo le potenziali cause di errore umano» racconta Rossetti.

Per quanto riguarda la consegna, «ogni cliente ha esigenze diverse a cui dobbiamo rispondere e, sebbene usualmente ci avvaliamo di specialisti come GLS, BRT o DHL, siamo in grado di garantire, in caso di necessità, consegne urgenti, anche nell’arco delle 24 ore attraverso l’utilizzo di mezzi di nostra proprietà».

Per la gestione delle fatture, inviate al cliente elettronicamente, l’azienda si affida a un sistema informatico integrato che permette di ridurre drasticamente le possibilità di errore.

«Il nostro mercato non ci consente di definire una singola modalità e tempistica di pagamento perciò la nostra procedura ci rende in grado di gestire i pagamenti in maniera versatile» conclude Rossetti.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here