La benzina ad alto numero di ottani è più efficiente

0

Attraverso la simulazione del processo di raffinazione del petrolio e delle performance del veicolo e un’analisi del ciclo di vita delle emissioni di CO2 risultanti, i ricercatori del MIT hanno scoperto che i veicoli funzionanti con carburante a indice di ottanio superiore sarebbero più efficienti, consumando fra il 3 e il 4,5 per cento benzina in meno, per un risparmio previsto fino a 6,4 miliardi di dollari all’anno, entro il 2040. Nella sua analisi infatti il team ha ipotizzato un periodo di decisione politica di circa tre anni per attuare la riforma e altri tre-cinque anni perché i produttori di motori arrivino a soddisfare i nuovi standard di progettazione. Pertanto, se la benzina avesse un indice di ottano più elevato, il settore automobilistico degli Stati Uniti ridurrebbe le emissioni complessive di anidride carbonica di 35 milioni di tonnellate all’anno.
Il numero di ottano indica il grado di resistenza del carburante alla detonazione
Attualmente negli Stati Uniti, va da 87 (combustibili regolari) a 93 (carburanti premium più performanti ad alto tenore ottani), dati che comunemente vengono visualizzati alla pompa. Più è alto, più il combustibile resiste al battito in testa. Il sistema rivisto porterebbe il numero di ottano a 93 per la benzina normale e a 98 per quella premium. Questo cambiamento spingerebbe le raffinerie di petrolio a produrre carburante a un indice di ottano superiore, che a sua volta stimolerebbe i produttori a progettare veicoli che funzionano con tale indice, così da ottenere mezzi più efficienti. Come commenta il ricercatore del MIT Raymond Speth: “Se i produttori sanno che la benzina ha un numero di ottano più elevato, possono progettare motori che danno un rapporto di compressione più alto, in modo da avere un motore più piccolo e più efficiente”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here