Intesa Sanpaolo, Unicredit e KKR Credit insieme a supporto delle imprese italiane

0
Team leaders business concept with people on cogs.
Vector illustration.

Team leaders business concept with people on cogs.

Intesa Sanpaolo, UniCredit e KKR Credit, parte di KKR & Co. L.P., una delle principali società globali di investimento, hanno raggiunto un accordo in base al quale, al soddisfacimento di alcune condizioni, le due più importanti banche italiane trasferiranno la loro esposizione in crediti ed equity relativi ad un selezionato numero di imprese in restructuring in un veicolo gestito dalla piattaforma italiana lanciata da KKR Credit. La piattaforma ha lo scopo di fornire ad alcune medio-grandi società industriali italiane nuovi capitali e competenze operative, supportando così le banche nella gestione dei propri asset. La piattaforma ha l’obiettivo di consentire alle società di ritrovare l’equilibrio finanziario, di tornare a crescere e a creare valore a beneficio di tutti gli stakeholder, inclusi gli attuali azionisti delle società stesse e le banche, che condivideranno i ritorni positivi conseguenti alla ripresa delle performance delle società e del valore dei relativi asset iscritti a bilancio. Intesa Sanpaolo e UniCredit, assieme a KKR Credit hanno congiuntamente sviluppato questo progetto innovativo, inclusa la sua valutazione con le autorità competenti. La piattaforma sarà aperta in futuro ad altri istituti di credito e società che possono trarre vantaggio da nuovi capitali e da un ulteriore supporto operativo. Alvarez & Marsal svolgerà il ruolo di preferred Service Provider alla piattaforma. Carlo Messina, Consigliere Delegato e CEO di Intesa Sanpaolo, ha commentato: “Le condizioni attuali dei mercati e i nuovi contesti regolatori impongono alle banche una gestione sempre più innovativa e professionale dei crediti deteriorati. Come Intesa Sanpaolo siamo inoltre convinti di quanto sia sempre più decisivo intervenire tempestivamente in questo settore, con l’obiettivo di creare le condizioni per un rilancio delle imprese e la salvaguardia dei livelli occupazionali, anche grazie a strumenti innovativi e competenze specializzate. L’annuncio è il giusto passo in questa direzione grazie alla positiva collaborazione tra le due principali banche del Paese e le altre controparti coinvolte nell’operazione. Il progetto rappresenta un ulteriore, coerente sviluppo del nostro Piano d’Impresa 2014-2017 che prevede, oltre a un’imponente immissione di nuovo credito nell’economia reale con erogazioni a medio e lungo termine pari a 170 miliardi di euro, la gestione efficiente del portafoglio crediti del Gruppo”. Federico Ghizzoni, CEO di UniCredit, ha dichiarato: “Sono particolarmente orgoglioso di questa iniziativa, una struttura altamente innovativa sviluppata da noi in collaborazione con KKR e Intesa che potrebbe essere replicata anche in altri contesti in Europa. In particolare, è stato un piacere lavorare a questo progetto a stretto contatto con Intesa: vogliamo dare il nostro miglior contributo nei confronti di molte società italiane in temporanea difficoltà, situazione che ci ha spronato a lavorare insieme a un progetto comune. Vorrei infine sottolineare l’obiettivo industriale di questa iniziativa: dare a imprese manifatturiere italiane in tensione finanziaria, ma con una base solida in termini operativi e di prodotto, un’opportunità di investire, crescere e rilanciarsi creando anche nuovi posti di lavoro. Ritengo che questa piattaforma possa rappresentare un importante fattore di traino per la ripresa economica italiana”. Johannes P. Huth, Responsabile KKR per Europa, Africa e Medio Oriente, ha affermato: “Siamo grati a Intesa e a UniCredit per la loro collaborazione alla definizione e implementazione di questo approccio innovativo. Si tratta della prima iniziativa in larga scala in Italia e in Europa ed è la prima operazione della piattaforma paneuropea lanciata da KKR Credit. La piattaforma è interamente finanziata con fondi privati e siamo impazienti di mettere a disposizione delle società italiane finanziamenti a lungo termine e competenze industriali”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here