Ilva: L’Europa apre una procedura d’infrazione comunitaria

0

L’acciaieria di Taranto è sotto osservazione da parte della Commissione Europea, la quale ha inviato una lettera di messa in mora all’Italia aprendo così una procedura d’infrazione. L’accusa  per il nostro paese è di non garantire che l’acciaieria tarantina rispetti le prescrizioni dell’UE  relative alle emissioni industriali, con gravi conseguenze per la salute umana e l’ambiente.
Nella nota dell’Esecutivo Ue emerge che ” L’Italia e’ inoltre inadempiente anche rispetto alla direttiva sulla responsabilita’ ambientale, che sancisce il principio chi inquina paga. La maggior parte dei problemi deriva dalla mancata riduzione degli elevati livelli di emissioni non controllate generate durante il processo di produzione dell’acciaio,” aggiunge la nota Ue, facendo emergere che “le prove di laboratorio evidenziano un forte inquinamento dell’aria, del suolo, delle acque di superficie e delle falde acquifere, sia sul sito dell’Ilva, sia nelle zone abitate adiacenti della citta’ di Taranto”. Il ministro dell’Ambiente Andrea Orlando ha così commentato il suo  incontrato con  il Commissario all’Ambiente UE Janez Potocnik:
“Il Commissario UE ha ascoltato con attenzione i passaggi di questo percorso innovativo precisando che la procedura di infrazione dovrà essere letta come uno stimolo ad andare avanti in un raccordo sempre più stretto tra istituzioni italiane e comunitarie per la soluzione del problema. Potocnik ci ha spiegato che le contestazioni relative al caso Ilva non si riferiscono all’azione del Governo e ci ha confermato il suo giudizio positivo su un percorso avviato con il decreto dello scorso giugno.”  Ecco invece il commento un po’ più incisivo di Janez Potocnik:  “Le autorità italiane hanno avuto molto tempo per garantire che le disposizioni ambientali per l’Ilva di Taranto fossero rispettate. Quello dell’Ilva è un chiaro esempio del fallimento nell’adottare misure adeguate per proteggere la salute umana e l’ambiente. Non vediamo l’ora di discutere con l’Italia su come i problemi dell’Ilva di Taranto possano essere risolti. Sono stato avvicinato dal ministro dell’Ambiente italiano, e siamo impazienti di vedere, il più presto possibile, soluzioni efficaci per i problemi ambientali”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here