I segreti della macchina supersonica che supera i 1600 km/h

0
La macchina supersonica Bloodhound pronta per essere testata nel deserto del Nevada

Bloodhound è il progetto che ha riunito alcuni tra i migliori progettisti del settore delle macchine supersoniche, con l’intento di pensare e di progettare un mezzo capace di battere il record di velocità su terra abbattendo il precedente record di 1.600 km/h. Il progetto è attualmente in una fase molto avanzata e la vettura è praticamente pronta. Per ottenere il risultato prefissato, il team di Bloodhound ha creato relazioni di lavoro con una vasta gamma di produttori e fornitori, come la collaborazione con la Parker Hannifin per progettare e costruire un sistema airbrake che rallenta l’auto di circa 100 km/h per secondo.

Il team ha inoltre dovuto risolvere grossi problemi riscontrati al sistema di trasmissione di potenza soprattutto durante i test al banco della pompa del carburante. Altro importante obiettivo raggiunto in fase di progettazione è stato la produzione di un giunto di trasmissione adeguato con un diametro massimo di 160 mm, capace di trasmettere 550 Nm a 10.000 giri. Tutti i componenti sono stati progettati tenendo conto dell’uso di materiali, trattamenti e finiture delle superfici di ultimissima generazione avallando le geometrie mediante modelli 3D ottenuti da macchine a prototipazione rapida; non solo ma attraverso i modelli virtuali si è potuto capire e risolvere le problematiche dovute all’assemblaggio e al disassemblaggio. Particolare attenzione è stata posta alla verifica strutturale statica e dinamica di tutte le parti che compongono Bloodhound dopo la fabbricazione. Del resto il motto dei progettisti è stato: quando hai a che fare con una velocità di 1.600 km/h la precisione e la qualità di tutte le parti è una necessità assoluta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here