Digitalizzazione delle PMI italiane

0
digitalizzazione

In Italia emergono percentuali di digitalizzazione 2-3 volte superiori rispetto ai dati OCSE e WEF. Il dato è emerso da un’indagine di SDA Bocconi commissionata da Teamsystem, che  ha coinvolto un campione di 303 imprese, rappresentative del mercato delle PMI (90% degli intervistati, con il 76% delle organizzazioni al di sotto dei 50 dipendenti). Lo studio ha rilevato come le piccole e medie imprese italiane stiano adottando le tecnologie più innovative, tra cui eCommerce, business intelligence e gestionali web, in modo pragmatico, con investimenti prudenti e calibrati su precise aree strategiche.

Nella maggioranza delle aziende che sono state intervistate, è presente un presidio manageriale IT interno che funge da interlocutore tra i fornitori esterni (software integrator e/o vendor) e i referenti di business per guidare la trasformazione digitale dell’azienda. Il 58% delle aziende dispone di uffici o reparti ICT con non più di 5 addetti, mentre il 21% dedica più di cinque persone. Non esiste una unità o figura formalmente dedicata all’ICT o alla digitalizzazione solo nel 21% dei casi.

E’ emerso, inoltre, che nei prossimi tre anni gli investimentidelle aziende in IT saranno nel 30% dei casi molto bassi, nel 29% modesti, nel 33% medi e alti solo nel 9% delle aziende.

Secondo l’indagine, sono cinque i driver che spingeranno la trasformazione digitale delle PMI italiane. Si tratta del Mobile, dell’eCommerce, in cui attualmente solo 16 organizzazioni su cento dispongono di una piattaforma per le vendite online, le soluzioni di Business intelligenceuna versione Web dei sistemi gestionali ed il Cloud.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here