Collaborazioni e progetti di successo

0
323

Vogliamo presentarvi alcuni tra i più significativi progetti messi a punto da Looms (Laboratory of Object-Oriented Modelling and Simulation). Il primo è un modello di simulazione e controllo di un impianto nucleare di nuova concezione, realizzato nell’ambito del progetto IRIS (International Reactor Innovative and Secure), il quale è sostenuto da un consorzio di 21 organizzazioni distribuite in 10 diverse nazioni e che ha come obiettivo il progetto e la produzione di un reattore nucleare innovativo ad acqua leggera. Il contributo al progetto del laboratorio Looms è stato importante e molto apprezzato: grazie ai software sviluppati a Cremona, infatti, il tempo di sviluppo del simulatore e dei sistemi di controllo primari è stato estremamente breve.

Nell’ambito motociclistico, Looms ha sviluppato un modello per la simulazione della dinamica di un generico veicolo a due ruote. Il modello è stato concepito sia per affrontare le fasi preliminari della progettazione di un veicolo, evitando ingenti costi di fabbricazione dei prototipi e riducendo notevolmente i tempi realizzativi, sia per effettuare prove ritenute troppo rischiose per i collaudatori. A tal fine sono stati modellizzati dispositivi di antibloccaggio delle ruote in frenata, meglio noti come ABS (Antilock Brake System); in tal modo, è quindi possibile anche simulare il comportamento dinamico della motocicletta in corrispondenza di una frenata d’emergenza.  Un progetto ulteriore ha riguardato la simulazione e il controllo di un centro di lavoro utilizzato nella lavorazione del legno , con l’obiettivo di sviluppare un prototipo virtuale dinamico.  L’ambiente di sviluppo, già dotato di un’ampia libreria di modelli di componenti meccanici, elettrici e di controllo, è stato integrato con altri modelli creati ad-hoc, relativi ai motori brushless ed ai sistemi di trasmissione a cinghia. Sono state indagate, inoltre, le risonanze fondamentali, i parametri di attrito, i disturbi pulsanti di coppia (“ripple”), ecc. al fine di migliorare le prestazione dinamiche complessive delle macchine.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here