Co-continui: i compositi promettenti

1
Foto: Melanie Gonick

Fra i materiali compositi, molto promettenti sono i co-continui, cioè quei materiali ottenuti dall’unione di componenti allo stato solido e continuo, unione che avviene a livello micro strutturale. Questa particolare famiglia di compositi è allo studio da diversi anni, ma solo recentemente un team di ricerca del MIT ha messo a punto un metodo per produrre materiali compositi innovativi, in grado di coprire un’ampia gamma di combinazioni di rigidezza, resistenza, durezza, resilienza. Il risultato: materiali leggeri e resistenti. Come riportato dal MIT News, il progetto è stato finanziato dall’ US Army, attraverso il MIT’s Institute for Soldier Nanotechnologies, con l’obiettivo iniziale di cercare di progettare un materiale in grado di assorbire l’energia in condizioni di carico estreme, che fosse utilizzabile per carenature di aerei e camion grazie alla leggerezza, flessibilità ed efficienza, senza essere solo il tradizionale rivestimento solido.
Le sperimentazioni condotte dai ricercatori del MIT hanno combinato due materiali polimerici dalle proprietà molto differenti, uno forte ma fragile e l’altro molto meno forte ma duro e resistente: ne è nato un materiale rigido, forte e duro allo stesso tempo.
La progettazione di questi nuovi materiali è nata da simulazioni al computer cui hanno fatto seguito campionature testate in laboratorio per valutarne la coerenza. Dai risultati emersi sembra possa essere possibile lavorare oltre che sulle proprietà meccaniche, anche su quelle elettriche, termiche e ottiche, arrivando ad ottenere materiali compositi memory form o in grado di filtrare determinate frequenze, in funzione della pressione applicata.
Il prossimo passo riguarderà la realizzazione di compositi co-continui partendo da materiali con caratteristiche ancora più differenti rispetto a quelli fin qui usati, come metallici con ceramici o polimeri con metallici. (fonte: MIT news)

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here