Bus elettrico a guida autonoma

0
bus elettrico a guida autonoma

Il primo bus elettrico a guida autonoma si chiama SmartShuttle, è svizzero e si sta preparando a fare il suo debutto a Sion, nel Cantone Vallese, come veicolo della flotta di AutoPostale, l’azienda elvetica leader di mercato nel settore dei trasporti pubblici. Dietro alla realizzazione c’è la partnership tra il Politecnico federale di Losanna, la startup Bestmiles ed il costruttore francese Navya. Cornice di tutto è MobilityLab, progetto rivolto alla ricerca e allo sviluppo di nuove soluzioni nel settore della mobilità sostenibile.

Le due navette che saranno rese attive, potranno trasportare per le strade del capoluogo vallese fino a nove persone a una velocità massima di 20 km/h. Sebbene a bordo sia sempre presente personale istruito di accompagnamento, i veicoli dispongono di marce completamente automatizzate e non sono dotati né di volante né di pedali del freno o dell’acceleratore.

In caso di necessità, è tuttavia possibile attivare un pulsante d’emergenza per fermare il bus elettrico. Grazie a sensori di ultimissima generazione, i veicoli sono in grado di circolare, di giorno e di notte, con un’estrema precisione e di riconoscere qualsiasi tipologia di ostacolo e di segnaletica presente sul tragitto, comprese le condizioni di traffico e delle strade. Una piattaforma di controllo il bus elettrico su quali devono essere i tempi di fermata, così da regolare la velocità in base all’itinerario prefissato.

Il servizio, in fase sperimentale, è gratuito per i passeggeri.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here