Il Piemonte agli Automotive Manufacturing Meetings

0

La prima edizione dell’ Automotive Manufacturing Meetings, sta avendo luogo in questi giorni a  Detroit (il 16 e il 17 novembre). Si tratta di una business convention in cui partecipano 10 aziende italiane, di cui 5 piemontesi. La presenza regionale rientra nel Progetto Integrato di Filiera (PIF) From Concept to Car che il Centro Estero per l’Internazionalizzazione (Ceipiemonte) gestisce su incarico di Regione Piemonte e cofinanziato con il Fondo di Sviluppo e Coesione. A Detroit inoltre, From Concept to Car si allea, presentandosi congiuntamente in una stessa area, ad ANFIA, Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica che accompagna qui 4 imprese.

Gli Stati Uniti rappresentano il sito produttivo più importante dell’area NAFTA con oltre il 67% della produzione complessiva del 2015. La domanda interna ha contribuito alla crescita: le vendite di autoveicoli hanno totalizzato 21,16 milioni di nuove registrazionispiega Pierpaolo Antonioli, presidente di Ceipiemonte -. Il mercato è dunque di estremo interesse per il Piemonte, non a caso la partecipazione a questo evento si colloca in un percorso di continuità di penetrazione che ha visto lo scorso maggio la realizzazione di un programma di b2b2 negli Stati Uniti finalizzato alla messa in relazione diretta con costruttori e sistemisti statunitensi”.

A testimonianza delle capacità della filiera piemontese all’ Automotive Manufacturing Meetings sono presenti 5 aziende innovative e internazionalizzate: AizoOn, quest’anno ha vinto il premio Cool Vendor di Gartner per le competenze ed esperienze fatte nell’Internet of Things nel campo della produzione e dei veicoli connessi. Easyrain, start-up che punta sul tema della sicurezza con il suo nuovo sistema di guida assistita per contrastare l’aquaplaning. Elettrosystem che vuole far conoscere Twimp, un’evoluzione nella sicurezza del settore auto. Comau, che con le sue attività legate a Industria 4.0 contribuisce a riportare in Europa la centralità della produzione. 2A, già fortemente presente in USA orientata a consolidare il suo proficuo dialogo con i partner americani.

L’iniziativa fa seguito a un programma di b2b organizzato in maggio negli Usa secondo un percorso di visite in cui sono state incontrate aziende di spicco con le quali sono in corso trattative. Tra gli interlocutori con i quali si sono confrontate: Roush, società di ingegneria che ha realizzato i prototipi della “Google car”; CAR, centro di monitoraggio ed elaborazione dati statistici dell’industria automobilistica; Dana, che possiede il 54% del mercato nordamericano e il 29% di quello europeo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here